Riprese nei secoli passati, queste tipologie di pavimenti prestigiosi che arredavano le lussuose Ville del Rinascimento e le Corti nobili della Borghesia e dei Regnanti in tutta Europa si portano alla ribalta nei nostri tempi moderni per ridare importanza agli ambienti privati.
In particolare nelle essenze del Rovere e del Noce europeo prendono le forme della SPINA UNGHERESE, FRANCESE e ITALIANA differenziandosi per la diversa inclinazione del taglio in diagonale di ogni elemento spazzolato, che deve mantenere sia una larghezza che lunghezza costante per poter comporre ad incastro il pavimento finale. Lo spessore solito è di 15 o 20 mm con la bisellatura sui quattro lati e sono disponibili in tutti i colori della Collezione Rovere antico.

Stiamo parlando di un pavimento la cui posa in opera comporta maggior tempo e capacità per creare nella maniera più simmetrica possibile il pavimento finale, ragionando su come potrebbe disporsi la spina a seconda del risultato che si vuole ottenere. Oltre ad arredare, il pavimento a spina crea  un ambiente originale rispetto alla classica posa a correre che, soprattutto con un’essenza come il Rovere tinto a campione con finitura moderna, mette in risalto il classico nobile pavimento dei secoli scorsi ma con il piacere dei tempi moderni.